Arvedi Steel Technology produzione acciai speciali spessori sottili ed ultrasottili
Vai direttamente al contenuto | Vai direttamente al menu di navigazione
sfumatura laterale bordo sinistro
sfumatura laterale bordo destro
  • > Tecnologia
  • > Vantaggi competitivi

Vantaggi competitivi della Tecnologia Arvedi ISP ESP:

Semplificazione e accorciamento del ciclo produttivo

  • L'acciaio liquido viene trasformato in coils in un unico impianto, senza soluzioni di continuità, senza prodotti intermedi (bramme), senza manipolazioni di materiale, in 15 minuti per ISP e 7 minuti per ESP e in uno spazio di soli 180 metri. Le tecniche convenzionali operano, invece, in fasi distinte, attraverso prodotti intermedi, in tempi diversi, e a volte in stabilimenti diversi, con uno sviluppo lineare di impianti dell'ordine dei 1000 metri o superiore.

Risparmio energetico e riduzione dell'impatto ambientale

  • La tecnologia Arvedi massimizza lo sfruttamento del calore contenuto nell'acciaio liquido (lungo l'intero ciclo la temperatura non scende mai sotto i 950°C); ciò comporta un notevole risparmio energetico, valutabile in circa 22 ton equivalenti di petrolio risparmiate ogni 1000 ton di prodotto; ne consegue un notevole effetto benefico sull'ambiente, in quanto la minor richiesta di energia elettrica dalle centrali comporta una corrispondente riduzione di circa il 40% delle emissioni di CO2 (gas ad effetto serra), ben oltre quindi gli obiettivi del protocollo di Kyoto.

Riduzione dell'intensità di capitale investito e dei costi di esercizio

  • Il capitale investito, per unità di prodotto, di un insediamento produttivo a basato sulla Tecnologia Arvedi (con l'associata acciaieria per la produzione di liquido), è da due a tre volte inferiore a quello richiesto per un insediamento siderurgico di tipo convenzionale, la cui minima taglia economicamente efficiente è superiore ai 4 milioni di tonnellate. Con la tecnologia Arvedi si possono raggiungere break-even points inferiori al milione di tonnellate.
  • Il risparmio energetico, associato alla maggior produttività pro capite (da 2 a 3 volte) comporta una riduzione dei costi di esercizio tra il 30 ed il 50% rispetto ai cicli convenzionali.

Elevata qualità produttiva e nuove tipologie di prodotti

  • I particolari e innovativi processi di solidificazione realizzati dal processo consentono di ottenere ottime strutture interne dell'acciaio e elevate qualità di prodotto finale, quali gli acciai altoresistenziali e i polifasici, che rappresentano la nuova frontiera nelle applicazioni automobilistiche.
  • Inoltre l'impianto realizza direttamente a caldo spessori sottili (1 ÷ 1,5 mm) che, con i cicli convenzionali, è possibile ottenere solo dopo una successiva fase di lavorazione, la laminazione a freddo, e quindi con maggiori costi e maggiore dispendio di energia.

Flessibilità produttiva

  • L'accorciamento del ciclo produttivo, la sequenzialità e il controllo in tempo reale delle varie fasi di trasformazione, in virtù di un'automazione spinta e di un controllo di processo computerizzato, consentono di ottenere il prodotto finale, a partire dalla materia prima (compresa quindi la fusione del rottame per la produzione di liquido), in soli 90 minuti.
  • Inoltre l'impianto a Tecnologia Arvedi consente di variare lo spessore da coil a coil, senza perdere in produttività, fornendo al mercato un servizio in termini di rapidità di risposta (attuabile il just in time) e di varietà di offerta che i sistemi tradizionali, rappresentati dai grandi centri siderurgici, estremamente rigidi, non sono in gradi di fornire.

Competitività economica

  • La combinazione dei punti di forza precedentemente citati che si possono sintetizzare in ridotti esborsi di capitale per l'investimento, ridotti costi di produzione, elevata flessibilità produttiva, elevato valore aggiunto del mix produttivo portano ad una elevata redditività e ad un rapido ritorno dell'investimento.

Schema punti di forza